Come la maggior parte dei siti web, utilizziamo i cookie per migliorare la sua esperienza e offrirle una navigazione più pertinente. Può saperne di più sulla nostra gestione e politica nei confronti dei cookie sulla nostra pagina che riguarda i cookie. Accetto

Registrazione
Accedi
Il mio carrello

Informazioni covid-19 :

VOLKSWAGEN

AUDI

SEAT

SKODA

PORSCHE

BMW

MINI

MERCEDES-BENZ

MAZDA

VEICOLI D'EPOCA

PRODOTTI UTILI

filter

Filtrare i risultati

Fermer

filter picto

Filtrare i risultati

Risultati per :

Pezzi cox, Volkswagen Maggiolino e derivati

L'avventura Volkswagen inizia nel 1938, con l'uscita di quella che sarà chiamata la VW Coccinelle o VW Beetle (Hanneton in inglese). Modello emblematico venduto a più di 20 milioni di esemplari nel mondo, è stato declinato in molte versioni. Il modello cabriolet della VW Cox nasce nel 1949 con due carrozzerie : in 2 e 4 posti. La più comune è la versione 4 posti, prodotta dal carrozziere Karmann dal 1949 al 1980. La seconda versione, molto più rara, è stata disegnata e prodotta da Hebmüller in 696 esemplari tra il 1949 ed il 1950. Un altro modello derivato dalla Coccinelle emerge nel 1955 : il coupé Karmann Ghia. Modello all'aspetto sportivo basato sul telaio, il motore e il cambio della Cox, è il risultato dell'unione tra il carrozziere Tedesco Karmann e il designer Italiano Ghia, tutto questo commissionato da Volkswagen per arricchire la sua gamma. Grande successo, sarà declinato in cabriolet dal 1957. In totale, più di 445 000 esemplari di Karmann tipo 14 sono stati prodotti tra il 1955 ed il 1974. Nel 1961 nasce il VW tipo 3, altra variante della Coccinelle, concepita per ampliare la gamma Volkswagen. Viene presentato in 3 carrozzerie, berlina, Coupé e Break ; sarà prodotto fino al 1973. Infine, nel 1969, VW presenta un modello 'TC' : il 181, un veicolo con due ruote motrici, nello spirito del Kübelwagen prodotto durante la seconda guerra mondiale. Questa 'Mehari di lamiera', come molti la chiamavano, ha preso il nome del suo tipo di produzione : 181 o 'Thing' ('la cosa' come la chiamano negli Stati Uniti).